• Veniamo a te Padre della Vita

    31 ottobre 2015 - 01:06 -- Suore Scolastiche Francescane

    Veglia di preghiera in comunione con i nostri defunti

    Canto: Adoramus Te Domine

    PRIMA PARTE: “IO FACCIO NUOVE TUTTE LE COSE” (Ap 21,5)

    Guida: Il Signore Gesù Cristo che era morto ma ora è vivo per sempre, ci invita all’ascolto della sua parola, in comunione con i nostri fratelli defunti. Egli conforta la nostra fede e la nostra speranza in Lui, che ha detto di sé: “Io faccio nuove tutte le cose”. È Gesù Cristo, il crocifìsso e risorto che continuamente viene a visitare il suo popolo, ed è per noi sorgente inesauribile e perenne di annuncio e di testimonianza nel mondo.

    Lettore 1:Signore, Tu solo sei Santo, Tu solo sei grande e degno di ogni lode, e oggi siamo qui, radunati davanti a Te, per ascoltare la tua voce, accoglici, Signore; parla, Signore e fa che ti ascoltiamo con cuore puro e libero.

    Tutti: Signore, fa che crediamo in Te che sei fonte della vita.

    Lettore 2: Abbi pietà di noi per tutte le volte che non abbiamo creduto in te, e che ci siamo fidati dei nostri sforzi umani per cambiare le cose, ma non abbiamo lasciato che tu cambiassi il nostro cuore.

    Tutti: Abbi pietà di noi, cambia il nostro cuore, trasformalo da cuore di pietra in cuore di carne. Plasmalo, ricrealo, infondigli il tuo soffio vivificante. Insegnaci a lasciarti dire al nostro orecchio: “Io faccio nuove tutte le cose”.

    Lettore 3: Si Signore, tu, non noi; ti riconosciamo e ti adoriamo. Come Creatore, Signore del Mondo e della Storia, ti accogliamo come il Signore della nostra vita. Tu sei nostra guida verso il Padre. Parla Signore, non stancarti di far risuonare la tua voce e donaci un cuore che sa ascoltare.

    Tutti: Abbi pietà Signore per tutte le volte che non abbiamo ascoltato la tua Parola.

    Canto: Scusa Signore (oppure un altro canto)

    Lettore 2:   Dal libro della Sapienza (3, 1-9)

    Canone: Niente ti turbi, niente ti spaventi, chi ha Dio niente gli manca.

                Niente ti turbi, niente ti spaventi solo Dìo basta

    Guida: La morte è incomprensibile senza la fede in Dio della vita. Noi crediamo e confidiamo nel Signore, crediamo che Dio Padre per mezzo di Cristo Risorto condurrà in cielo le anime dei giusti e le farà partecipi della sua gloria.

    Ad ogni strofa del Salmo 61 ripetiamo insieme:

    Rit: Solo in Dio riposa l’anima mia, da lui la mia salvezza.

    Lettore1: Solo in Dio riposa l’anima mia; / da lui la mia speranza.

    Lui solo è mia rupe e mia salvezza, / mia roccia e mia difesa:

    non potrò vacillare. Rit.

    -In Dio è la mia salvezza e la mia gloria; /

     il mio saldo rifugio, la mia difesa è in Dio.

    Confida sempre in Lui, o popolo, /

    davanti a lui effondi il tuo cuore, nostro rifugio è Dio. Rit:

    -Non confidate nella violenza, / non illudetevi nella rapina;

    alla ricchezza, anche se abbonda, / non attaccate il cuore. Rit:

    -Una parola ha detto Dio, / due ne ho udite: / il potere appartiene a Dio, /

    tua, Signore, è la grazia; secondo le sue opere / tu ripaghi ogni uomo. Rit.

     

    SECONDA PARTE: LA PAROLA DI CRISTO LUCE PER IL NOSTRO CAMMINO

    Guida: Signore, Tu sei la luce del mondo, e se tu manchi... è notte. Se Tu manchi l’uomo è solo e cammina nel buio. Tu sei la nostra vita, Hai subito la morte per donarci la vita: aiutaci a vivere la nostra vita nella disponibilità a compiere giorno per giorno la volontà del padre. Rispondiamo alla parola del Signore che è lampada ai nostri passi e luce al nostro cammino con il canto:

    Tutti: Passeranno i cieli, e passerà la Terra, la tua parola non passerà, alleluia, alleluia.

    Lettore 2: “Quelli che sono vestiti di bianco stanno davanti al trono di Dio e gli prestano servizio giorno e notte nel suo santuario, e colui che siede sul trono stenderà la sua tenda sopra di loro” (Ap 7,15).

    “Non avranno più fame, né avranno più sete, né li colpirà il sole, né arsura di sorta, perché l’Agnello che sta in mezzo al trono sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti della vita. E Dio tergerà ogni lacrima dai loro occhi” (Ap 7,16-17).

    Tutti:Passeranno i cieli, e passerà la Terra, la tua parola non passerà, alleluia, alleluia.

    Lettore 3: “Secondo la promessa, noi aspettiamo cieli nuovi e una terra nuova nei quali avrà stabile dimora la giustizia” (2Pt 3,13).

     “La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio [...] e nutre la speranza di essere lei stessa liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio” (Rm 8,19-21).

    Tutti:Passeranno i cieli, e passerà la Terra, la tua parola non passerà, alleluia, alleluia.

    Lettore 2:  “Che cos’è quest’uomo che tu ne fai tanto conto e a lui rivolgi la tua attenzione e lo scruti ogni mattina e ad ogni istante lo metti alla prova”? (Gb 7,17-18).

    “Preparerà il Signore degli eserciti per tutti i popoli, su questo monte, un banchetto di grasse vivande, un banchetto di vini succulenti, di vini raffinati” 8Is 25,6),

    Tutti:Passeranno i cieli, e passerà la Terra, la tua parola non passerà, alleluia, alleluia

    Lettore 3: “Egli strapperà su questo monte il velo che copriva la faccia di tutti i popoli e la coltre che copriva tutte le genti” (Is 25.7).

    “Eliminerà la morte per sempre; il Signore Dio asciugherà le lacrime su ogni volto; la condizione disonorevole del suo popolo farà scomparire da tutto il paese, poiché il Signore ha parlato” (Is 25,8).

    Tutti:Passeranno ì cieli, e passerà la Terra, la tua parola non passerà, alleluia, alleluia.

    Lettore 2:  Quando ci sarà la conversione al Signore, quel velo sarà tolto. Il Signore è lo Spirito e dove c’è lo Spirito del Signore c’è libertà” (2Cor 3, 16-17).

    “Lo Spìrito e la Sposa dicono: vieni! Chi ascolta ripeta: vieni! Chi ha sete venga; chi vuole attinga gratuitamente l’acqua della vita” (Ap 22,20).

    “Si verrò presto!” (Ap 22,20).

    Tutti: “Se uno è in Cristo è una creatura nuova, le cose di prima sono passate, ne sono nate di nuove " (2Cor 5,17)

    Breve Riflessione

    terza parte: cristo risorto nostra speranza

    Guida: Cristo ha vinto la morte perché ha vinto il peccato. L’uomo in Cristo diventa vincitore della morte.

    Questa è la nostra fede, il dono meraviglioso trasmessoci da coloro che ci hanno preceduto. A loro dobbiamo la nostra gratitudine e la nostra riconoscenza. Verso di loro abbiamo una grande responsabilità: accrescere, trasformare e tramandare quello che essi ci hanno lasciato. Affidiamoci a Cristo, Signore della vita che ci auida verso il banchetto della festa senza fine.

    - Preghiere spontanee

    Canto: Su ali d’Aquila (o un altro canto)

    1.     Tu che abiti al riparo del Signore e che dimori alla sua ombra, dì al Signore “mio rifugio, mia roccia in cui confido”

    Rit. E ti rialzerà, ti solleverà, su ali d’aquila ti reggerà, sulla brezza dell 'alba ti farà brillar, come il sole, così nelle sue mani vivrai.

    2.     Dal laccio del cacciatore ti libererà e dalla carestia che distrugge. Poi ti coprirà con le sue ali e rifugio troverai.

    Rit. E ti rialzerà, ti solleverà, su ali d’aquila ti reggerà, sulla brezza dell 'alba ti farà brillar, come il sole, così nelle sue mani vivrai.

    Non devi temere i terrori della notte, né freccia che vola di giorno. Mille cadranno al tuo fianco: ma nulla ti colpirà Rit. E ti rialzerà, ti solleverà, su ali d’aquila ti reggerà, sulla brezza dell 'alba ti farà brillar, come il sole, così nelle sue mani vivrai.

    3.      Perché ai suoi angeli ha dato un comando, di preservarti in tutte le tue vie.

    Ti porteranno sulle loro mani, contro la pietra non inciamperai.

    Rit E ti rialzerà, ti solleverà, su ali d’aquila ti reggerà,sulla brezza dell ’alba ti farà brillar, come il sole, così nelle sue mani vivrai.

    E ti rialzerò, ti solleverò, su ali d'aquila ti reggerò. sulla brezza dell'alba ti farò brillar, come il sole, così nelle mie mani vivrai.

    Lettore 1: “La croce è solo una collocazione provvisoria, quand’anche dovesse durare per tutta una vita. Il Calvario non fa parte delle zone residenziali. Sul Calvario, duemila anni fa, le tenebre durarono solo da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio. E il fiume delle lacrime umane scorre solo entro questo spazio di tempo: tre ore, anche se paiono eterne. Si può sostare sul Golgota solo da mezzogiorno alle tre, dopodiché c’è “divieto di parcheggio, con rimozione forzata di ogni croce. Neanche Dio può sopportare un’agonia più straziante, che vada oltre quelle tre ore. Poi ci sarà la deposizione dalla croce. Il bacio di un amico, le braccia di una madre che culla per l’ultima volta. E in quell’abbraccio, finalmente, sarà svelato il mistero dell’umano soffrire. La Terra riplasmerà il corpo in essa depositato come seme, poi dal cielo sarà intonato l’alleluia della risurrezione”.(Da una riflessione di T. Bello: Il parcheggio del Calvario)

    Guida:       Preghiamo insieme

    Tutti: Padre nostro, che sovrasti la terra con la tua immensità, che sei origine di ogni cosa, sei perfezione d’amore e di santità, manifesta al mondo la tua gloria, rivela agli uomini lo splendore del tuo volto. Mostra la tua regale onnipotenza e trionfa su ogni forma di male. Compi il tuo disegno di salvezza e realizza quanto desideri per noi.

    Non lasciarci mancare il pane di ogni giorno, perché la nostra dignità non venga offesa, ma preservaci dall’illusione della ricchezza e dall’affanno per ciò che non è indispensabile.

    Confortaci con la grazia del tuo paterno perdono e rendici capaci a nostra volta di perdonare, vincendo rorgoglio che incatena il nostro cuore. Non permettere che la tentazione ci travolga e che le prove della vita cì inducano a rifiutarti, negando il tuo amore e la tua stessa esistenza.

    Liberaci dal male che ci assedia e ci avvilisce, allontana da noi l’angoscia che ci prende quando ne vediamo i tristi segni.

    Rendici testimoni della tua potenza invincibile, della tua paternità provvidente, della tua regale misericordia, Tu che sei Dio e vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen

     

    Guida: Dio che ha risuscitato Gesù Cristo dai morti ci dia coraggio e forza a credere in Lui oggi e sempre./Amen

    Guida: Gesù vincitore della morte ci renda operosi nell’amore e costanti nella speranza./Amen

    Guida: Lo spirito Santo guidi i nostri pensieri e le nostre opere e ci conceda un cuore nuovo capace di risorgere sempre./Amen

    Guida: E la benedizione di Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, scenda su di noi e con noi rimanga sempre/Amen

    Guida: II Signore Risorto ci accompagni sulla strada della Fede, Speranza e Carità/Amen

     

    Canto finale

     

     

    AllegatoDimensione
    Microsoft Office document icon veniamo_a_te_padre_della_vita.doc53.5 KB