• Celebrato il 50° anniversario dell’Istituto “Sacro Cuore”

    17 maggio 2014 - 23:02 -- sr. Maristella Palac

    Venerdì 16 maggio alle ore 18.30 alla casa della Farnesina si è dato l’inizio alla celebrazione del 50° anniversario dell’Istituto “Sacro Cuore”.

    folderLa Superiora regionale sr. Lucia Vrdoljak Colo ha rivolto un caloroso saluto agli illustri ospiti, alle consorelle convenute dalla Casa generalizia e da Piazza Caprera, ai genitori degli alunni, agli insegnanti e ai collaboratori tutti. Nel suo discorso ha evidenziato le motivazioni per la profonda gratitudine al Signore e ha mostrato le ragioni della gioia da condividere e da vivere insieme. A questo saluto è seguita la proiezione di un documentario relativo ai 50 anni di storia della scuola: un intreccio di ricordi, di emozioni e di memoria. Le esibizioni canore ed artistiche degli alunni di tutte le sezioni hanno concluso questo primo giorno di festa.

    La manifestazione è stata condotta con passione, entusiasmo e competenza dalla Signora Rosanna Vaudetti, mamma degli ex alunni dell’Istituto Sacro Cuore. Sabato 17 maggio alle 17.30 ha avuto luogo la solenne celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo di Pesaro S.E. Mons. Piero Coccia coadiuvato da fr. Alessandro Mastromatteo il quale ha rivolto un’ opportuna omelia ai presenti. Nel teatro gremito da genitori, da ex-alunni, dalle consorelle convenute da varie parti e appartenenti a diverse comunità religiose, ha echeggiato il canto armonioso dei bambini che hanno animato la celebrazione eucaristica. L’evento si è concluso con una magnifica agape fraterna nel parco della casa.

    Saluto della Superiora regionale sr. Lucia Vrdoljak Colo

    Carissimi, “Pace e Bene”! Un cordiale saluto a tutti voi ed un grazie per aver risposto all’invito di celebrare insieme i 50 anni di vita dell’Istituto “Sacro Cuore” delle Suore Scolastiche Francescane di Cristo Re. Un saluto particolare lo rivolgo a S. E. Rev.ma Mons. Piero Coccia Arcivescovo Metropolita di Pesaro a cui ci legano sentimenti di stima, di amicizia e di collaborazione. Grazie, Eccellenza, che ci onora con la sua presenza.
    Questo saluto e questo ringraziamento lo esprimo a nome della Superiora generale sr. Klara Simunovic che si trova all’estero per motivi di ufficio, di tutte le consorelle della Regione di Roma e mio personale. A distanza di cinquanta anni dall’inizio di questa avventura scolastica, oggi ci ritroviamo docenti, genitori, alunni, amici per ringraziare il Signore di quanto questo istituto ci ha dato e continua a darci sul piano formativo. Ma desideriamo anche ringraziare per ciò che esso ha rappresentato e rappresenta come “luogo” di relazioni condivise, di amicizie consolidate e di belle emozioni vissute. Ci troviamo poi insieme per esprimere gratitudine a quanti hanno dato e stanno dando il proprio decisivo contributo per la presenza di questa scuola. E sono molti! A tutti e a ciascuno un grande grazie. Ma permettetemi in questa occasione di esprimere una riconoscenza particolare a sr. Celina Saric che ha dato l’inizio a questa meravigliosa avventura. Cinquanta anni non sono pochi. Tuttavia sono passati velocemente e felicemente, perché attraversati dalla forte convinzione che investire nell’educare è miglior modo per valorizzare quel capitale umano e cristiano di cui oggi, nella nostra società, c’è tanto bisogno. Nella fedeltà al carisma “scolastico” della nostra Congregazione, abbiamo cercato di dedicare alla scuola, luogo formativo ma anche prima educativo, il meglio delle nostre risorse. Con soddisfazione ci pare di cogliere qualche risultato rivedendo quelli che erano gli alunni di un tempo diventati oggi alcuni nonni, altri genitori, molti professionisti affermati. Tutto ciò è stato possibile perché tante famiglie hanno avuto e continuano ad avere fiducia in questa “nostra” scuola che cerca di coniugare umanità e professionalità. A voi genitori va dunque la nostra riconoscenza nella convinzione che il rapporto costruttivo tra famiglia e scuola è un elemento inscindibile per una alleanza educativa tesa a formare la persona nella sua pienezza ed integrità. Se è vero che esiste un legame inscindibile tra passato, presente e futuro, tutti sentiamo, oggi più che mai, la necessità di proiettarci verso un futuro che già stiamo costruendo. Per questa ragione rivolgo a tutti un forte augurio che questa scuola non solo continui la sua missione educativa e formativa insieme, ma che la realizzi dentro le due grandi coordinate, della continuità e della novità, raccogliendo tutte le sfide che la “questione educativa” oggi pone a tutti noi. Ci sia di stimolo l’emozionante esperienza che sabato scorso abbiamo vissuto in piazza San Pietro. La scuola italiana, statale e paritaria, incontrando Papa Francesco in un aula di trecento mila alunni, attenti alla voce di un docente del tutto particolare, si è sentita ripetere che l’educazione è vera se si ama la vita e se si ama la scuola. E’ per questa stessa ragione che anche noi stasera siamo qui. Ancora grazie per la vostra presenza e soprattutto per i vostri figli che ci riempieranno di gioia animando un evento che certamente porteremo nel cuore. Buona festa a tutti !!!

    Sr. Lucia Vrdoljak Colo Superiora regionale