• Andate a dire

    21 aprile 2015 - 19:49 -- Suore Scolastiche Francescane

    “E l’angelo disse alle donne: “non abbiate paura. So che cercate Gesù il crocifisso. Non è qui. E’ risorto. Ora andate presto, andate a dire ai suoi discepoli: è risuscitato dai morti.” (Mt 28,7). 

    Andate a dire, voi donne consacrate, a Lui dedicate 
    Voi che avete intuito per grazia le “consegne” del Risorto,
    Correte su tutte le piazze
    A svelare il grande segreto di Dio.

    Andate a dire che la notte è passata.
    Che per tutto c’è un senso.
    Andate a dire che il sangue è un lavacro.
    Che il pianto è rugiada, che ogni goccia è una stella. 
    Andate a dire: le piaghe risanano
    Andate a dire: “per mezzo della Croce alla Luce”

    Voi, che l’avete intuito per grazia, 
    correte di porta in porta a svelare il grande segreto di Dio.

    Andate a dire che il deserto fiorisce. 
    Che l’amore finalmente  ha vinto.
    Che la gioia non è più  un sogno.
    Che è bello, ciò che è  vero. 
    Andate a dire che la storia ha uno sbocco.
    Perchè Cristo è Risorto!
    La festa è già pronta.
    E’ qui, Pasqua nostra!
    Andate a dire: liberate…, lottate….!

    Voi che avete ricevuto per grazia le “consegne” del Risorto,
    Correte, correte per tutta la terra a svelare il grande segreto di Dio.

    Andate a dire a coloro che soffrono
    che ogni croce è un trono.
    Che ogni tomba è una culla.
    Che il dolore è salvezza.
    Che il povero è in testa.
    Che il mondo ha un futuro.
    Che il cosmo è un tempio.
    Che ogni impegno è un culto
    Che è possibile una nuova umanità.

    Andate a dire, voi consacrate, 
    privilegiate destinatarie delle consegne del Risorto.
    Andate a dire su tutte le piazze, di porta in porta, per tutta la terra.
    Gridate con tutta la voce, che  il cielo vi senta,

    Andate e annunciate 
    ai tribolati, agli ammalati,
    ai perseguitati, ai disperati.
    Andate a dire, comunque sofferenti.
    Offerenti - sorridenti.
    Andate a dire che la gioia ha un volto.
    quello sfigurato dalla morte,
    ma  trasfigurato dalla Risurrezione.

    Andate e annunciate! 
    Oggi, proprio ora, qui
    Che Cristo nostra speranza è Risorto.